Startup: come funziona in 6 semplici punti

Molti giovani sognano di avviare startup ma spesso queste realtà falliscono in fretta. Qualche consiglio per creare imprese di successo.

Dal posto fisso alla nascita delle startup

Se un tempo finiti gli studi l’ideale era il classico “posto fisso” da dipendente, da qualche anno, forse complice la crisi economica, il trend è cambiato e sempre più ragazzi e ragazze, prima ancora di aver terminato il corso di studi, si lanciano in attività imprenditoriali.

In particolare si sta riaffermando con forza il settore “comunicazione” attraverso varie forme: dal giornalismo digitale, alla musica, ai video e tutorial su Youtube.

Purtroppo sono anche tante le realtà che non sopravvivono ai primi 5 anni di vita.

Ecco perché è fondamentale fare un piano di “battaglia” e saper chiedere aiuto ad esperti per non vanificare gli sforzi e incanalare al meglio le energie creando startup di successo.

Definizione di startup

Due sono gli elementi che contraddistinguono una startup:

1 proporre un’idea innovativa o innovare un servizio o prodotto già esistente

2 l’obiettivo di essere scalabile velocemente.

Una gelateria o un ristorante tradizionali, anche se aperti da 1 giorno, non possono essere definiti startup in quanto non soddisfano tali requisiti: non propongono nulla di nuovo e, con il passare degli anni, manterranno fatturati più o meno stabili e costanti.

Uno youtuber che propone video in cui spiega come risolvere diverse tipologie di problemi è una startup e il suo fatturato crescerà in quanto, se proporrà video interessanti, genererà nuove visualizzazioni che lo faranno monetizzare e potrà suscitare l’interesse di sponsor che potrebbero decidere d’investire nel suo canale Youtube.

Accorgimenti per trasformare un’idea in un’impresa di successo

1) Analisi di mercato

Il mercato può diventare il nostro peggior nemico o il nostro miglior alleato, dipende da noi.

è fondamentale chiedersi e analizzare di che cosa c’è bisogno in quel momento: che cosa vorrebbero le persone? Cosa renderebbe la loro esistenza più semplice o più piacevole?

Questo distingue una semplice “idea” da una “business idea”!

Una business idea risolve dei problemi e ha il potenziale di generare un fatturato in modo strutturato e in continua crescita.

2) Individuare il target a cui rivolgersi.

Inutile puntare su una startup che si rivolga ad adolescenti se ce ne sono già 1000 in quel momento.

è fondamentale chiedersi sempre: “di cosa la società ha più bisogno ora?”

3) Non impuntarsi sull’idea di partenza

Nella fase iniziale sono fondamentali i feed back.

Quindi condividere la propria idea come fosse una “open source”: raccogliere più pareri e suggerimenti possibili dal proprio target di riferimento.

Passo dopo passo si arriverà alla versione più compiuta e applicabile, alla versione con più possibilità di farcela.

4) Creare un Team vincente

La squadra è tutto! Riuscire a fare tutto da soli è praticamente impossibile.

Menti aperte, eterogenee e in sintonia sono la formula vincente. Se tutti hanno le stesse competenze non si va avanti. è necessario mettere insieme persone con formazioni diverse, approcci diversi e competenze complementari.

5) Farsi conoscere

La pubblicità è l’anima del commercio!

Si può proporre l’idea del secolo ma se nessuno ne è a conoscenza si chiuderanno i battenti in pochi mesi.

Anche qui la scelta migliore è non fare tutto da soli ma farsi seguire da professionsti del settore specializzati in campagne pubblicitarie.

Veedoo.it, ad esempio, propone soluzioni pubblicitarie ad hoc per musicisti emergenti e youtuber agli esordi in modo da farli emergere dall’ anonimismo nel modo più convincente e adeguato in base al pubblico cui si rivolgono.

I loro video vengono pubblicizzati su canali ufficiali come Google e Youtube raggiungendo un’ampissima fetta di pubblico selezionato.

Con i professionisti di Veedoo si studieranno le strategie comunicative e promozionali più adeguate per fare breccia negli interessi del target prescelto e ottenere così nuovi clienti, nuove vsualizzazioni e potenziali sponsor investitori.

6) Fare un piano investimenti affidandosi ad esperti del settore.

Molte startup falliscono proprio perché non si sono valutati attentamente i costi.

Meglio lasciar perdere il “fai-da-te” e rivolgersi ad esperti che sapranno consigliarci le soluzioni più adeguate per non sprecare denaro ma investirlo solo nei settori giusti e più funzionali alla nostra business idea.

Veedoo studia attentamente il mercato affinché le promozioni e le campagne pubblicitarie vadano a buon fine raggiungendo gli obiettivi desiderati dal cliente.